L' Acropoli di Neapolis dal Paganesimo e la citta' Ippodamea al Cristianesimo

Dettagli

Tipologia:
Eventi Folkloristici e
Rievocazioni storiche
Data:
12/11/2017
Indirizzo:
Napoli
Sito web:
Orario:
ore 10.00- 15.00
Ingresso:
pagamento
Prezzo:
euro 7
Telefono:
3317100447 3405365852
Codice evento:
25845
Voti
2017
28
3.2
 Vota l'evento
Rating:

Acropoli  termine greco derivante da "akros", alto e  "polis", città. Indicava la parte più alta e fortificata della città. Solitamente questa zona era dedicata ad Apollo dio del Sole di cui traina il carro, della musica, della poesia delle arti mediche e della scienza che illumina l'intelletto. In tutte le città di matrice ellenistica nel punto più alto della polis sorgevano sontuosi templi dedicati a questa eccelsa divinità. Purtuttavia, altri templi dedicati ad altre divinità erano  ubicati all’interno delle antiche metropoli sia greche che romane ma, distribuiti e strutturati seguendo le rigide regole urbanistiche rifacentosi allo schema o impianto ippodameo ossia, la cos’detta pianta a scacchiera. Anche Napoli o per meglio dire l’antica Neapolis non poté mancare sin dalla sua concezione urbanistica di seguire anch’essa le rigide e severe regole di polis ippodamea. Ebbene, il nostro tour guidato avrà inizio  proprio dal punto più alto della antica Neapolis dove un tempo in epoca immemorabile era situata proprio l’acropoli con il tempio di Apollo. Partiremo infatti dalla chiesa di Sant’Agnello a Caponapoli  dedicata al Vescovo Agnello le cui origini risalgono al IX secolo d.c  e che sorge sui resti dell’antico tempio greco dedicato per l’appunto ad Apollo. Illustreremo l’interno della attuale chiesa  e delle opere d’arte in essa contenuta ma, ci soffermeremo soprattutto sull’illustrazione e spiegazione della antica struttura greca, perfettamente visibili grazie alla pavimentazione di cristallo che funge da piano di calpestio della struttura nonché dei resti esterni della antica cinta muraria che sovrastava Neapolis. Proseguiremo poi lungo via del Sole dove, in epoca greco-romana si svolgevano i riti dediti al dio Priapo per poi giungere al decumano maggiore di via Tribunali presso, ciò che resta dell’antico complesso della Piietrasanta risalente al VI sec d.c.  ubicato sui resti dell’antico tempio di Diana soffermandoci sulla spiegazione della antica struttura e del simbolismo in essa raffigurato nonché dei decumani e cardini della vecchia Neapolis spiegando accuratamente la planimetria della antica città greco-romana. Proseguendo poi lungo via Tribunali giungeremo, presso l’antica agorà greca dove è situata la  maestosa Basilica di San Paolo Maggiore sede dell’ordine dei Teatini dal 1538 quando, il Viceré Pedro de Toledo concesse la struttura a San Gaetano da Thiene e suoi confratelli. Visiteremo l’interno della Basilica soffermandoci soprattutto su ciò che resta dell’antico tempio dei Dioscuri. La successiva tappa del tour sarà  all’interno del complesso conventuale di San Gregorio Armeno ubicato sulle antiche rovine del tempio di Cerere, visitando la stupenda chiesa barocca del XVII secolo, il chiostro ed il giardino del complesso ecclesiastico dove sono ancora visibili gli antichi condotti idrici del periodo vicereale che alimentavano ll’intera zona. Ed è proprio in via San Gregorio Armeno, la strada dei pastori dove all’interno di una antica bottega di arte presepiale  che spiegheremo accuratamente il significato di cristianità secondo il concetto costantiniano, attraverso l’illustrazione e visione di un classico presepe napoletano.  

 


Calcola il percorso per raggiungere l'evento

Mappa

Percorso

  • http://www.autostrade.it
  • http://www.coldiretti.it
  • http://www.codacons.it
  • http://www.markonet.it