Henri Matisse alle Scuderie del Quirinale con le suggestioni di Arabesque

Dettagli

Tipologia:
Cultura/Musica e Spettacolo
Data:
Dal 02/03/2015 al 21/06/2015
Indirizzo:
Roma
Ingresso:
pagamento
Prezzo:
Intero 12,00 Ridotto 9,50 Ridotto 7-18 anni 6,00 Ingresso gratuito fino ai 6 anni
Telefono:
06 39967500
Codice evento:
10537
Voti
2015
131
3.9
Rating:
Attenzione: non è possibile votare l'evento oltre i 30 giorni dal termine
Regolamento: http://www.italive.it/regolamento

Ci sono alcuni capolavori assoluti provenienti dai maggiori musei del mondo - Tate, MET, MoMa, Puškin, Ermitage, Pompidou, Orangerie, tra gli altri – che arrivano, per la prima volta in Italia, alle Scuderie del Quirinale in occasione della grande mostra "Henri Matisse - Arabesque" che apre al pubblico il prossimo 5 marzo e resterà aperta fino al 21 giugno.
 
Curata da Ester Coen, con un comitato scientifico composto da John Elderfield, Remi Labrusse e Olivier Berggruen, la mostra intende restituire un'idea delle molteplici e intense suggestioni che l'Oriente ebbe nella pittura di Henri Émile Benoît Matisse (1869 – 1954). Influenze che Matisse acquisì e affinò nel corso della sua esistenza, a cominciare dalla frequentazione dell'École des Beaux Arts a Parigi, seguita dalle visite alla vasta collezione islamica del Louvre in esposizione permanente e le diverse mostre che, nel 1893-1894 e soprattutto nel 1903, vennero dedicate all'arte islamica al Musée des Arts Decoratifs di Parigi, fino all'Esposizione mondiale del 1900, in cui Matisse scoprì i paesi musulmani nei padiglioni dedicati a Turchia, Persia, Marocco, Tunisia, Algeria ed Egitto. I viaggi in Algeria, in Russia, in Marocco stimolarono ulteriormente il pittore francese e la sua ricerca di una nuova forma espressiva.
 
Nei dipinti esposti nella mostra "Arabesque", composizioni e colori abbandonano ogni formalismo prospettico e si tuffano in geometrie e orditi che aspirano alla sublimazione delle linee e della stessa idea di superficie proiettata in uno spazio più ampio, "uno spazio di dimensioni che la stessa esistenza degli oggetti rappresentati non riesce a limitare".
 
Capolavori come Ragazza con copricapo persiano (1915-16; Gerusalemme, Israel Museum); Zorah sulla terrazza (1912; Mosca, Museo Pushkin); Marocchino in verde (1912; San Pietroburgo, Ermitage); Pervinche-Giardino marocchino (1912; New York, MoMA); Paravento moresco (1917-1921; Philadelphia Museum of Art) descrivono la straordinaria capacità di Matisse di evocare mondi di antica e fiabesca bellezza attraverso l'invenzione di uno spazio pittorico ispirato alla tradizione decorativa nord-africana e medio-orientale; mentre opere altrettanto celebri come Ritratto di Yvonne Landsberg (1914; Philadelphia Museum of Art) o Fruttiera ed edera in fiore (1941; Torino, Pinacoteca Agnelli) rendono evidente come lo sguardo dell'artista si sia spinto all'osservazione di culture ancor più lontane e misteriose. La ben nota fascinazione dell'artista per il mondo della decorazione tessile è raccontata attraverso la sua collaborazione con i Balletti Russi; Matisse ha lavorato infatti ai costumi per il balletto Le chant du rossignol messo in scena nel 1920 dalla compagnia di Diaghilev con musiche di Stravinsky e coreografie di Massine.
 
Suddiviso in 9 sale, il percorso espositivo si presenta come una rassegna completa e articolata di opere straordinarie che, attrverso continui rimandi visivi a manufatti di culture figurative esotiche, farà rivivere il fasto e l'eleganza di mondi antichi, esaltati dallo sguardo visionario, profondo e straordinariamente contemporaneo di un artista geniale come Henri Matisse.
 
Promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, da Roma Capitale - Assessorato alla Cultura, Creatività, Promozione Artistica e Turismo, la mostra è organizzata dall'Azienda Speciale Palaexpo in coproduzione con MondoMostre e catalogo a cura di Skira editore.


Calcola il percorso per raggiungere l'evento

Mappa

Percorso

  • http://www.autostrade.it
  • http://www.coldiretti.it
  • http://www.codacons.it
  • http://www.markonet.it