Partigiani fratelli maggiori

Dettagli

Tipologia:
Cultura/Musica e Spettacolo
Data:
27/03/2015
Indirizzo:
Teatrino del vecchio mercato - Castel Bolognese - Ravenna
Orario:
alle ore 21.00
Codice evento:
10475
Voti
2015
100
3.1
Rating:
Attenzione: non è possibile votare l'evento oltre i 30 giorni dal termine
Regolamento: http://www.italive.it/regolamento

Venerdì 27 marzo, alle ore 21.00 nel Teatrino del vecchio mercato, interessante appuntamento musicale nell’ambito della Celebrazione del 70° anniversario della Resistenza e della Liberazione a cura del Comune di Castel Bolognese unitamente al locale Comitato antifascista. Il concerto tematico Partigiani fratelli maggiori è una proposta di Cantosociale, gruppo musicale proveniente storicamente dalla Lomellina. 
Piero Carcano (voce e autore dei testi) e Gianni Rota (chitarra e flauto) fondano nel 1997 il gruppo Cantosociale dopo diverse esperienze musicali (rock, folk, blues, etnica) realizzate con band emergenti di buon livello come Good Old Boys, Via dalla Pazza folla e gruppi di animazione e teatro musicale come il Rodari Club Trio; l’intento è "cantare e raccontare la Storia e la Gente" attraverso la cultura popolare di oltre un secolo (dall’800 a oggi) presentando canti e poesie in equilibrio tra tradizione orale e letteratura, suoni antichi e moderni, strumenti acustici ed elettrici.
Componenti ormai storici del gruppo anche Vittorio Grisolia e Cristian Anzaldi: il primo è da anni protagonista della scena folk italiana, sia tradizionale che progressiva, con importanti gruppi (Bandalpina, Gli Zanni, La Roncastalda). Con violino, mandolino, flauti, cornamuse, ocarina ha aggiunto suoni autenticamente tradizionali permettendo al gruppo di scatenarsi anche in vorticosi e animati girotondi a ballo (monferrine, polche, gighe, mazurche); il secondo chitarrista, bassista e fisarmonicista è ben conosciuto nell’area novarese per aver militato nei migliori gruppi di rock progressivo e di blues. Recentemente il gruppo si è arricchito della presenza di Davide Buratti  apprezzato contrabbassista e bassista di estrazione jazzistica, componente storico del gruppo Navi in Bottiglia. 
 
La loro passione deriva dalle storie, dalle canzoni e dalle musiche che hanno accompagnato lotte sociali per la pace, per la libertà, per il lavoro, ma anche dal racconto della vita quotidiana, quella dei campi, delle fabbriche, delle osterie.  Il lavoro del gruppo si avvale di fonti orali attraverso le ricerche «sul campo» e le registrazioni provenienti dagli archivi; importante è la collaborazione con l’Istituto Ernesto de Martino di Ivan Della Mea e Cesare Bermani. Il materiale recuperato è particolarmente importante e riguarda non solo canti della tradizione contadina, in particolare di risaia, ma anche quelli di filanda e soprattutto brani inediti della Resistenza. Per finire non va dimenticato il loro interesse verso la cultura afroamericana che evidenzia il filo comune che lega le diverse espressioni tradizionali, dagli strambotti ai blues, dalla risaia ai campi di cotone. Molte le partecipazioni a importanti festival e rassegne; hanno provato particolare emozione a suonare con Moni Ovadia, Ivan Della Mea, il Coro di Piadena e Calvatone, Janos Hazur, Beppe Greppi, Jo Fallisi, Giovanni Stranier e con il Coro delle Mondine di Valle Lomellina. Con Betty Gilmore poetessa e cantante di jazz e blues e con l’americanista Bruno Cartosio hanno realizzato lo spettacolo multimediale Il popolo del  Blues  traendo spunto dall’omonimo saggio di Amiri Baraka; hanno poi realizzato Mondine in Blues. Nel dicembre 2008, alla Maison Musique di Rivoli (To) - al prestigioso concerto celebrativo del 50° anniversario dalla nascita dei Cantacronache storico importante gruppo precursore della canzone d’autore in Italia - hanno suonato a fianco di Fausto Amodei, Gualtiero Bertelli, Tetes de bois, Cisco dei Modena City Ramblers, Mau Mau, Frankie Hi-Nrg.  www.cantosociale.it/
 
 
Partigiani fratelli maggiori è un concerto-testimonianza delle diverse esperienze di resistenza al nazifascismo nel ricordo di uomini che hanno lottato per la giustizia, per la pace e la libertà. Un percorso narrativo di canti sociali storici, canzoni originali del gruppo, musiche e intensi monologhi costruiti su testimonianze e racconti orali frutto di ricerche del gruppo. Un doveroso tributo all’epica delle gesta partigiane sulle montagne ma anche alle azioni di semplici cittadini che hanno rischiato la vita con il loro quotidiano sostegno. Un lavoro del gruppo di rivalutazione di un repertorio dimenticato, ma anche di vera e propria ricostruzione di canzoni nell’appassionato abbinamento dei versi scritti con musiche originali di atmosfera folk-rock rispettosa della matrice popolare e acustica.
 


Calcola il percorso per raggiungere l'evento

Mappa

Percorso

  • http://www.autostrade.it
  • http://www.coldiretti.it
  • http://www.codacons.it
  • http://www.markonet.it